Educazione al co-sviluppo

  • Stampa

Aree di intervento: Francia, Italia, Portogallo

Inizio e fine attività: 2007/2009


Logo del progetto

Descrizione del progetto e risultati raggiunti: Il progetto “educazione al co-sviluppo” era finalizzato a mettere in evidenza, promuovere e sostenere le opportunità derivanti dalle migrazioni internazionali, per lo sviluppo e la riduzione della povertà nei paesi di provenienza. L’idea alla base del progetto è che migliorare la consapevolezza di tali opportunità a livello dell’opinione pubblica europea costuituisce un incentivo per la partecipazione di attori diversi ad azioni di solidarietà internazionale promosse dai migranti, attività molto concrete in quanto pensate in rapporto ai bisogni specifici delle comunità e dei territori di origine. D’altra parte il coinvolgimento diretto dei migranti nello sviluppo dei propri territori di origine rappresenta una strategia importante per valorizzarne il ruolo di cittadini fra due spazi, sia nella società di origine sia in quella di arrivo. Attraverso la promozione di relazioni fra i migranti “ambasciatori” dei propri territori e gli altri cittadini europei, il progetto ha favorito lo scambio reciproco fra territori, attori e comunità europee e del Sud, e ha incentivato una cooperazione decentrata per azioni di sviluppo nei contesti di origine.
Attraverso il sostegno alle associazioni di migranti nella realizzazione di strumenti e iniziative di educazione allo sviluppo, la produzione di dispositivi informativi e di comunicazione, l’organizzazione di eventi e missioni di scambio, il progetto ha rafforzato le capacità organizzative e progettuali dei migranti, valorizzato il riconoscimento del loro ruolo di attori di co-sviluppo e sensibilizzato sulle opportunità derivanti dal cosviluppo un pubblico molto ampio, tra cui attori istituzionali, del mondo della ricerca, dell’istruzione, dell’associazionismo. I risultati raggiunti in Italia sono stati condivisi con i partner europei, e da loro valorizzati; viceversa le produzioni e i risultati raggiunti in Europa sono stati diffusi anche in Italia.
Un risultato non previsto ma molto interessante è stato certamente la riscoperta di un panorama molto ampio e vario di iniziative di sviluppo portate avanti, anche in Italia, dalle associazioni di migranti (la prima ricerca sul cosviluppo portata avanti da GAO Cooperazione internazionale, da cui è stato tratto un interessante video, risale al 1993). Grazie al progetto “Educazione al cosviluppo”, infatti, si è avviata una serie di attività di capitalizzazione di queste esperienze di cosviluppo e si sono, più o meno consapevolmente, avviate delle relazioni di scambio proficue tra associazioni, ong e istituzioni locali, che hanno di fatto costituito la base per quella che sarebbe poi diventata la piattaforma nazionale della rete Eunomad.
Video del progetto:
Educazione al co-sviluppo

Partner: Intercooperaçao e Desenvolvimento (INDE)- capofila, Groupe de Recherche et de réalisations pour le Développement Rural (GRDR), GAO Cooperazione internazionale

Associati e collaborazioni: Rete Associazioni Mauritane in Europa (RAME), PROMIDEA – Cooperativa Sociale, Dipartimento di Sociologia e Scienza Politica - Università della Calabria, Associaçao Guineense e Povos (AGUIPA), Fons Català, MIGRINER (Centre National Recherche Scientifique - CNRS), Forum des Organisations de Solidarité Internationale issues des Migrations (FORIM), La Kasbah, Radio Ciroma, Federazione Associazioni Immigrati, Associazione Baobab, Consiglio d’Europa.

Fonti di finanziamento: Commissione Europea, GAO

 

www.gaong.org utilizza i cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l'impiego di cookie. Per saperne di più.